lunedì 6 Dicembre 2021
Home Mas que fútbol Un amore vero: il Cholo ed il suo Atletico

Un amore vero: il Cholo ed il suo Atletico

2 ' di letturaIl calcio è lo sport per antonomasia con più quantità di romanticismo in assoluto.  I più grandi racconti di questa disciplina sono sempre nate da un grande amore che dà quel tocco in più al tutto. La storia che andremo a raccontare oggi è quella tra il Cholo Simeone e l’Atletico Madrid.

C’era una volta un giovane ragazzo argentino. La storia si ambienta nella caliente Spagna e l’amata da conquistare è una certa Atletico Madrid. Come ogni storia d’amore che si rispetti, la scintilla scocca in piena giovinezza. Il suo modo di giocare a calcio fa subito illuminare gli occhi ai Colchoneros. Accoppia una grande cattiveria agonistica, tipica dei rojiblancos, ad un’eccellente tecnica, abitudinaria dei calciatori dell’Albiceleste. Il doblete conquistato nel 96’ rappresenterà l’apice del loro amore, protagonista l’ex Inter in tutte e due le competizioni.

Purtoppo, l’Italia si metterà di mezzo ed il Cholo dovrà volare nel Bel Paese per indossare la maglia della Lazio. Indubbiamente ha giocato alcune delle sue migliori stagioni con la maglia biancoceleste, ma il calcio non è abbastanza bello senza sentimenti. Si ritorna in quel di Madrid, ovviamente sponda bianco rossa, ma questa volta le cose sono cambiate. L’Atletico è troppo pretenzioso a livello finanziario, passa un brutto periodo, e Diego tutto ciò non può sopportarlo arrivato a fine carriera. L’avventura finisce qui, per ora…

Diego e l’Atletico non avevano chiuso male, ma tra i due era rimasto quell’amaro in bocca per non averci riprovato. Come il più classico dei film romantici, i due si riuniscono, ma i ruoli sono differenti. Diego va a sedere in panchina a guidare i suoi eredi. E da qui in poi, è storia nota. Dall’essere i cugini poveri del Real Madrid, Simeone porterà i Colchoneros ad essere una delle squadre più rinomate d’Europa. L’accurato sistema di scouting portato dall’argentino ha riservato dei grandi talenti per il futuro come Godin e Griezmann. I problemi economici questa volta non hanno minato il loro amore, anzi, ha rafforzato il loro legame con partnership ed aiuti di ogni tipo. Dopo il campionato vinto, a confermare l’ascesa colchonera, saranno le due Europa League e la doppia Supercoppa Europea.

Ma in questa favola non è solo il conquistatore a ricevere. L’Atletico Madrid farà affermare il tecnico come uno dei migliori allenatori del mondo conquistandosi un posto tra i grandi. Ciò è stato riflesso anche con uno stipendio monstre: ben 25 i milioni che guadagna ogni anno che lo portano al primo posto dei mister più pagati. I soldi però contano ben poco in questa relazione. Col tempo si conierà il termine Cholismo, uno stile di gioco ben definito preso d’esempio da molte squadre. Essere affamati di vittoria e trattare ogni pallone come se fosse l’ultimo sono solo alcune delle massime del sistema.

Per concludere, l’idillio deve essere ancora scritto. L’ascesa è solo all’inizio, i due vogliono volare verso lidi più importanti. Sarà l’amore a guidarli, con un pizzico di fortuna e di cattiveria che non guasta mai. E vissero per sempre felici e contenti.

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

Ben Brereton, un inglese per la nazionale cilena

La nazionale cilena si è riunita in questi giorni in vista del doppio impegno contro Argentina e Bolivia, valevole per le qualificazione ai Mondiali,...

Llorente: la famiglia più sportiva di Spagna?

Metti una cena di Natale a casa Llorente, sul finire degli anni Novanta. Da un lato il nonno materno Ramón Moreno Grosso, lo zio...

Il quinto numero dieci

L’ala e’ uno di quei ruoli di cui ti innamori subito perché sai che prima di far arrampicare fino in cielo il centrale di...

Miracolo a Parigi: la Coppa delle Coppe del Real Zaragoza

Ogni vittoria ha la sua sliding door, il momento clou che cambia il corso della storia, dove gloria e disperazione si sfiorano prima di...
Condividi: