venerdì 26 Febbraio 2021
Home Sudamerica Quanto vale la maglia della propria nazionale? Per Gago molto di più...

Quanto vale la maglia della propria nazionale? Per Gago molto di più della rottura del ginocchio

2 ' di lettura“Fernando Gago ha subito un infortunio gravissimo al ginocchio durante una partita di qualificazione al mondiale, ma nonostante questo, è tornato in campo a lottare con i compagni”

Argentina-Perù doveva essere la partita che avrebbe qualificato l’Albiceleste al mondiale di Russia 2018, ma così non è stato. Notte fonda quella sera per gli argentini, una qualificazione non conquistata e un centrocampista in meno. Proprio così, Fernando Gago in quel match ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore e del collaterale interno del ginocchio destro.

Proprio nello stadio dove Gago giocava con il suo Boca ogni week-end, lo stesso stadio che gli ha trasmesso emozioni e gioie improvvisamente gli stava provocando una forte delusione. La Bombonera.

In quella serata di ottobre Fernando sentì ben due dolori: uno forte e lancinante al ginocchio e uno ancor più pesante al petto. 

Di fatto, il centrocampista argentino fu costretto ad abbandonare la sua nazionale in un momento delicatissimo. 

Venne definito un eroe sfortunato, entrò in campo al minuto 61, poi una torsione innaturale del ginocchio provocò le seguenti rotture: rottura del legamento crociato anteriore e del legamento collaterale interno del ginocchio destro.

Durante i soccorsi i medici della nazionale si erano accorti che Gago aveva subito un serio infortunio, ma a lui questo poco importava, dentro di sé aveva un solo obiettivo: tornare in campo per aiutare la squadra a vincere.

Al suo staff urlò: “Non mi interessa, lasciatemi giocare”. Aveva trasformato quel forte dolore che percepiva in rabbia, in voglia di giocare per spingere la sua nazionale al mondiale.

E così fece, da vero eroe dopo una rapidissima fasciatura tornò in campo stringendo i denti, ma durò solo 6 minuti, più passava il tempo e più il dolore si faceva intenso. 

Fernando fu costretto a lasciare il campo, come un guerriero che sa già di aver perso ma che non si rassegna a farlo.

Nonostante il pareggio, l’Argentina di Gago al turno successivo riuscì a qualificarsi, ma venne eliminata dalla Francia agli ottavi del torneo.

Gago ha dimostrato tutto il suo amore per la propria nazionale, un gesto simile nasce dall’istinto, dalla voglia di non mollare per trascinare i colori che veste alla vittoria. 

Dare la vita per la propria squadra. Beh, in questo caso non se lo sarebbe fatto dire due volte. Chapeau Fernando.

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

L’anima sudamericana dell’ultimo scudetto della Roma

"Quando gioca l'AS Roma, la gente che la vede se innamora" L'inizio di estate del 2000 non è molto divertente per i tifosi della Roma....

Non al denaro, né all’amore, né al cielo: Fabian O’Neill

L’avventura italiana del calciatore più forte che abbia visto giocare dal vivo. Ma come, più di Zola? Sì, più di Zola. Cagliari a novembre è ancora calda. Certo,...

“Occhio… Il prossimo potresti essere tu!” – David Luiz e quello scherzoso e folle rapporto con i giornalisti

David Luiz è conosciuto non solo per il suo duro comportamento in campo, oserei dire sciagurato visto che ha un ottimo rapporto con i...

Maradona ed il destino incrociato con Victor Hugo Morales

Esattamente 40 anni fa, in questo stesso giorno, Diego Armando Maradona si presentava al mondo Xenezeis nel migliore dei modi. Integrato in prima squadra con il Boca Juniors, venne fatto...
Condividi: