venerdì 26 Febbraio 2021
Home Penisola iberica L’identità basca: la piccola "nazionale" dell’Athletic Bilbao

L’identità basca: la piccola “nazionale” dell’Athletic Bilbao

2 ' di letturaGuardando alla storia, la regione dei Paesi Baschi è sempre stato un appezzamento di terra conteso tra Spagna e Francia e teatro di sanguinose guerre. Paradossalmente, tutto ciò ha fatto accentuare l’appartenenza dei propri abitanti a quel territorio. Purtroppo questi comportamenti hanno scritto una pagina nera della storia spagnola con il terrorismo basco e con le forti richieste di autonomia. Ma ha anche regalato una delle storie più romantiche del calcio. L’Athletic Bilbao con la sua “nazionale” ha segnato un’epoca calcistica in Spagna e non solo.

I Paesi Baschi contano poco più di 2 milioni di abitanti con appena 7 mila km2 e trovare anche solo 22 giocatori di buonissimo livello è un’ardua impresa. Ma ciò non interessa ai baschi che da secoli portano avanti questa filosofia. Ed il sistema calcistico di Bilbao non si basa solo sulla prima squadra. I settori giovanili sono delle selezioni fondamentali in questo processo, d’altronde come ogni nazionale. Sono ben 9 le squadre a livello di cantera che giocano nei vari campionati nazionali. Per chi non lo sapesse, l’Athletic Bilbao fa scendere in campo solo calciatori provenienti dalle zone basche (comprese alcune regioni formalmente in Francia) o cresciuti in una delle scuole calcio di quell’ambiente. Ciò potrebbe compromettere le ambizioni di un club, ma così non è stato.

I biancorossi sono il terzo club più vincente della storia spagnola, dietro solo a Barcellona e Real Madrid, e non sono mai retrocessi. Sono 23 le Coppe di Spagna vinte dai Leones con gli 8 campionati ad impreziosire il tutto. Importante la vittoria nella Supercoppa di Spagna nel 2015 dopo decenni di astinenza da trofei. Gran parte delle competizioni nazionali sono arrivate prima ed intorno agli anni 80’, e ciò non è il simbolo di una discesa. La squadra si è concentrata sul panorama europeo centrando spesso la qualificazione in Europa League ed arrivando vicina a conquistarla. La finale del 2013 contro l’Atletico Madrid è una ferita ancora aperta per i tifosi baschi.

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

L’anima sudamericana dell’ultimo scudetto della Roma

"Quando gioca l'AS Roma, la gente che la vede se innamora" L'inizio di estate del 2000 non è molto divertente per i tifosi della Roma....

Non al denaro, né all’amore, né al cielo: Fabian O’Neill

L’avventura italiana del calciatore più forte che abbia visto giocare dal vivo. Ma come, più di Zola? Sì, più di Zola. Cagliari a novembre è ancora calda. Certo,...

“Occhio… Il prossimo potresti essere tu!” – David Luiz e quello scherzoso e folle rapporto con i giornalisti

David Luiz è conosciuto non solo per il suo duro comportamento in campo, oserei dire sciagurato visto che ha un ottimo rapporto con i...

Maradona ed il destino incrociato con Victor Hugo Morales

Esattamente 40 anni fa, in questo stesso giorno, Diego Armando Maradona si presentava al mondo Xenezeis nel migliore dei modi. Integrato in prima squadra con il Boca Juniors, venne fatto...
Condividi: