venerdì 26 Febbraio 2021
Home El futbolista genial Un bagaglio culturale immenso: il Defensa y Justicia di Hernan Crespo

Un bagaglio culturale immenso: il Defensa y Justicia di Hernan Crespo

2 ' di letturaTutti riconosciamo le incredibili gesta di Hernan Crespo, probabilmente uno degli attaccanti più forti di sempre. Ma non molti hanno ancora captato l’elevato potenziale da allenatore che ha l’ex Parma. Proprio l’Italia è stata il teatro della prima esperienza poco piacevole da mister in quel di Modena. Dopo una prestazione deludente anche al Banfield, il Defensa y Justicia ha rilanciato la carriera tecnica del Valdanito. 

Cosa c’è dietro la prima partecipazione del club alla Libertadores e la finale della Sudamericana? Semplice, un bagaglio culturale immenso. Da giocatore, Hernan Crespo ha fatto sue le caratteristiche fondamentali di ogni campionato in cui ha giocato. Partendo comprensibilmente dall’Argentina, l’estro e la brillantezza sudamericana non può assolutamente mancare. In squadra elementi di brio come Pizzini Camacho sono essenziali affinché il roster riesca a girare. Come gran parte delle squadre d’Oltreoceano, il gioco a larghi tratti è fondato sulle doti individuali e sul dribbling. Il temperamento e la qualità tecnica dei giocatori argentini è inconfondibile, ma spesso non è tutto. 

L’influenza italiana sul Defensa y Justicia di Hernan Crespo

Nonostante la patria Gaucha sia uno dei Paesi più calcisticamente legati all’Europa, i passi avanti da fare per raggiungere quel livello sono ancora molti. Perciò Hernan Crespo ha voluto trasportare la sua esperienza in Italia nel suo Defensa y Justicia. Primaria è stata l’apprensione del tecnico sulla preparazione atletica fisica dell’atleta, aspetto spesso sottovalutato in Argentina. I miglioramenti con i gialloverdi sotto questo punto di vista sono stati molteplici. Non da meno l’apporto volto all’intelligenza tattica della formazione. Il gioco quasi europeo della squadra della Grande Buenos Aires (area metropolitana della capitale) ha messo in difficoltà le avversarie inermi verso quel tipo di stile. Impostazione dal basso, velocità di manovra e gioco estremamente verticale (senza forzare la giocata): queste le fondamenta dell’allenatore di Florida. Intorno è cresciuto un proprio ecosistema fatto di influenze dal calcio di differenti culture.  

Ultima ma non per importanza, l’influenza avuta dall’Inghilterra. Seppur agli ordini di Sua Maestà ha passato solamente due anni, il calcio inglese ha rappresentato un mantra da seguire. Più nello specifico il WM di Alf Ramsey ha costituito una dorsale importante per il Defensa y Justicia. Basato sul “Sistema” di Chapman e sul “Metodo”, è riconosciuto come il precursore dell’attuale 4-4-2. Tale filosofia Crespo la utilizza più frequentemente nelle competizioni internazionali (dal 3-1-4-2 iniziale passa spesso a questo stile). Un sistema che troppo spesso viene certificato come obsoleto ma che è stato il padre del calcio moderno. Basti pensare alla lungimiranza che hanno avuto gli inglesi nel dare un ruolo introduttivo all’impostazione. I terzini spingono molto sulle fasce ed uno dei due pivot arretra a fare il ruolo del trequartista. Basandosi su ciò e rapportandolo al calcio attuale, l’organizzazione è divenuta ordinata e fluida facendo le fortune del Defensa y Justicia di Crespo 

LEGGI ANCHE: Il Lanùs ancora sulle spalle del suo bomber storico: Josè Sand a 40 anni punta a suon di gol alla Copa Sudamericana

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

L’anima sudamericana dell’ultimo scudetto della Roma

"Quando gioca l'AS Roma, la gente che la vede se innamora" L'inizio di estate del 2000 non è molto divertente per i tifosi della Roma....

Non al denaro, né all’amore, né al cielo: Fabian O’Neill

L’avventura italiana del calciatore più forte che abbia visto giocare dal vivo. Ma come, più di Zola? Sì, più di Zola. Cagliari a novembre è ancora calda. Certo,...

“Occhio… Il prossimo potresti essere tu!” – David Luiz e quello scherzoso e folle rapporto con i giornalisti

David Luiz è conosciuto non solo per il suo duro comportamento in campo, oserei dire sciagurato visto che ha un ottimo rapporto con i...

Maradona ed il destino incrociato con Victor Hugo Morales

Esattamente 40 anni fa, in questo stesso giorno, Diego Armando Maradona si presentava al mondo Xenezeis nel migliore dei modi. Integrato in prima squadra con il Boca Juniors, venne fatto...
Condividi: