domenica 5 Dicembre 2021
Home Mas que fútbol La notte più buia del calcio argentino: River Plate vs Boca Juniors...

La notte più buia del calcio argentino: River Plate vs Boca Juniors 2018

2 ' di letturaLe partite di calcio, soprattutto quelle sudamericane, sono sempre una grande festa, piene di giubilo e spensieratezza. Che sia la famiglia ricca o quella povera, quando gioca la propria squadra non si pensa a niente e si va allo stadio a tifare. Purtroppo non è sempre così e dal semplice e sano sfottò, si passa a scenari che non si dovrebbero vedere mai. Oggi vi raccontiamo di una delle notti più buie del calcio argentinoRiver Plate vs Boca Juniors, 24 novembre 2018. 

Quel Super davanti e quel Clasico al seguito fa capire che non è una rivalità qualsiasi quella tra Xenezeis Millionarios. Quella sera però da astio si passò ad una vera e propria guerriglia urbana. Dopo l’andata alla Bombonera terminata per 2-2, Buenos Aires ferve per il ritorno della finale di Copa Libertadores più affascinante di sempre. Come da prassi, al Monumental si decidevano le sorti di quella partita epica ed i tifosi del River erano pronti a sostenere i propri beniamini. I supporters del Boca Juniors non erano della festa dato che gli era stata negata la trasferta come ormai succede dal 2013. I loro giocatori sono arrivati allo stadio intorno alle 18:15, un’ora prima dell’inizio del match. Ma ad aspettarli c’erano le 60mila Gallinas armati di sassi, fumogeni e bombolette gas. Il pullman è stata una facile preda data la grande disorganizzazione della polizia locale. 

 

Arrivati negli spogliatoi dell’impianto sportivo, si contano i primi feriti. L’allora capitano Pablo Perez è stato ricoverato d’urgenza a causa di una lesione corneale (occhio) causata dai vetri dei finestrini rotti. Condizioni critiche anche per Gonzalo LamardoNahitan Nandez e Leonardo Jara. Oltre ai danni a livello fisico, bisogna tener conto delle ripercussioni subite a livello psicologico. I giocatori visibilmente scossi sono molti e non vogliono comprensibilmente scendere in campo. Scandalosa la decisione della CONMEBOL di far giocare comunque il match malgrado il putiferio che ancora imperversa in strada tra tifosi e forze dell’ordine. L’arbitro prova ad entrare per chiedere la distinta ma viene cacciato dall’allenatore Schelotto che non ne vuole sapere niente: il Boca stasera non gioca 

I legali gialloblu si attivano immediatamente con un esposto alla Federcalcio ed ai correlativi del River. Il massimo organo calcistico resta della posizione di giocare, ma il buon senso prevale ed il River accetta la proposta di rinviare. Si raggiunge l’accordo di disputare il ritorno della finale al giorno dopo sempre nella stessa situazione. Poche ore dopo la CONMEBOL fa uscire un comunicato nel quale comunica la decisione di rinviare il tutto a data da destinarsi. Come è finita è storia nota a tutti: un Bernabeu gremito ha fatto da cornice alla vittoria finale del River Plate sui rivali di sempre del Boca Juniors 

Ma quello da tenere a mente è ben altro; questo non è il calcio e non lo sarà mai. Queste guerriglie e questi scontri non ci appartengono e non vogliamo che ci rappresentino. Il calcio è il più grande mix di emozioni che l’uomo abbia mai inventato, ma tra queste non c’è sicuramente la violenza. 

LEGGI ANCHE: Alberto Tarantini, “El Conejo” grande traditore del Boca Juniors

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

Ben Brereton, un inglese per la nazionale cilena

La nazionale cilena si è riunita in questi giorni in vista del doppio impegno contro Argentina e Bolivia, valevole per le qualificazione ai Mondiali,...

Llorente: la famiglia più sportiva di Spagna?

Metti una cena di Natale a casa Llorente, sul finire degli anni Novanta. Da un lato il nonno materno Ramón Moreno Grosso, lo zio...

Il quinto numero dieci

L’ala e’ uno di quei ruoli di cui ti innamori subito perché sai che prima di far arrampicare fino in cielo il centrale di...

Miracolo a Parigi: la Coppa delle Coppe del Real Zaragoza

Ogni vittoria ha la sua sliding door, il momento clou che cambia il corso della storia, dove gloria e disperazione si sfiorano prima di...
Condividi: