giovedì 13 Maggio 2021
Home Sudamerica Boca-River, al 90' la palla non entra, è il "Soffio de Dios",...

Boca-River, al 90′ la palla non entra, è il “Soffio de Dios”, Maradona ha salvato gli xeneizes

Un episodio incredibile...

< 1 ' di letturaE’ il 14 marzo 2021, in una deserta “La Bombonera” è in scena Boca Juniors-River Plate, il Superclassico. Al 41′ gli xeneizes sono passati in vantaggio con Villa dal dischetto, poi al 67′ Palavecino ha siglato l’1-1 pareggiando dunque i conti. Ma quello che è accaduto al 90′ ha dell’incredibile, per i tifosi e per i media anzi, ha del soprannaturale. Girotti del River ha crossato dentro, il pallone ha preso una strana traiettoria. Sembra tutto fatto per il 2-1 del River, ma per l’appunto sembra, improvvisamente, la palla ha rimbalzato per due volte e poi… E poi… ha cambiato direzione, invece che uscire dalla porta, è entrata. L’incredulità sul volto dei giocatori in campo, un episodio che ha fatto strabuzzare gli occhi ad entrambi i club, si è andata a mescolare con quella dei tifosi da casa, e dei media che stavano trasmettendo la partita, il derby di Buenos Aires.

“E’ stato Maradona! La palla non è entrata, qualcuno dall’alto ha soffiato, non ci crede nemmeno Riquelme! Quella zolla sicuramente ha il numero 10 sulle spalle! Probabilmente è stata guidata da Diego Armando Maradona!”.

In Argentina ne sono convinti, quello è il Soffio de Dios. Diego, dall’alto, ha aiutato il Boca, la squadra nella quale è esplosa la sua carriera, e nella quale ha deciso di dare l’addio al calcio giocato. Ora che non c’è più, ogni tifoso xeneizes, crede che la sua presenza sia comunque lì, in quello stadio che ha sempre amato, il primo sostenitore del club di Buenos Aires.

Incredibile! Il Soffio de D10s!

 

LEGGI E COMMENTA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Seguici

Ultimi Articoli

Miracolo a Parigi: la Coppa delle Coppe del Real Zaragoza

Ogni vittoria ha la sua sliding door, il momento clou che cambia il corso della storia, dove gloria e disperazione si sfiorano prima di...

Quattro colonne portanti del nostro amore: ritorna la schedina

"La schedina tra le dita può cambiare la tua vita", cantava un lanciatissimo Toto Cutugno nella sigla, datata 1987, di una fortunata edizione di...

La bellezza del Pescara di Galeone

“Se non si osa nulla, non si può neppure vincere nulla”. Condannato a essere libero come Sartre. Perché un brechtiano che canta la Javanaise...

Real Sociedad Txapeldunak: lo storico titolo di Liga che interruppe una maledizione

C’è una filastrocca che qualsiasi persona dalle parti di San Sebastian è in grado di ripetere a memoria, non importa se si tratti di...
Condividi: